100% Made in Italy

Asturie

Live Chat

Scrivici

Bandiera da tavolo Asturie

Acquista la bandiera da tavolo Asturie. Le bandierine da tavolo Asturie sono ideali da essere poste sulla scrivania, per ricordare un viaggio o per dare il benvenuto a qualcuno che ci visita proveniendo da Asturie.


La bandierina di Asturie è venduta singolarmente senza basetta. Le basette possono essere acquistate a parte.

Leggi di più
Asturie

L’immagine è soggetta a copyright e non è riutilizzabile.

Seleziona il materiale:

Poliestere Leggero Ideale per Interno




Dimensione:

Quantità:

Prezzo: (Iva Inclusa)

Vedi tabella dei formati disponibili

Tabella di comparazione formati e prezzi disponibili per Asturie:

Formato bandiera

Prezzo cda

14x21 cm

Poliestere Leggero

Prezzo cda:

4,00 €

(Iva Inclusa)

Acquista con la bandiera da tavolo delle Asturie anche la base che più ti piace. Disponiamo di basette con base in marmo, basette in ferro cromato, basette in ottone cromato, basette in legno. A seconda dell'ambiente in cui sarà esposta la tua bandierina delle Asturie sarà più opportuna una specifica tipologia di basetta.

 

Secondo la tradizione, la Croce della Vittoria fu portata da Pelagio, primo re delle Asturie, nella decisiva battaglia di Covadonga contro i Mori nel 722. 

 

Questa battaglia, combattuta nelle montagne delle Asturie, fu salutata dalla storiografia del XIX e XX secolo come l'inizio della Reconquista, la riconquista cristiana della penisola iberica dalla dominazione moresca. Tuttavia, non ci sono prove storiche sull'uso di questa croce.

 

Nel 908 il re asturiano Alfonso III il Grande ordinò che l'originale croce di legno, fatta di quercia, fosse rivestita in oro e pietre preziose. Attualmente la croce è conservata nella Santa Camera della Cattedrale di Oviedo.

 

Le lettere greche Alfa e Omega pendono dal suo asse orizzontale. Questo è un riferimento diretto al Libro dell'Apocalisse (versetti 1: 8, 21: 6, e 22:13), "Io sono l'Alfa e l'Omega, l'inizio e la fine, dice il Signore Dio, chi è, e chi era e chi deve venire, l'Onnipotente".

 

 

L'unica lingua ufficiale nelle Asturie è lo spagnolo. La lingua asturiana, detta anche bable, è protetta dalla legge (Ley 1/1998, de 23 de marzo, de uso y promoción del bable / asturiano - "Legge 1/1998, del 23 marzo, d'uso e promozione di Bable / Asturiano "). A volte è usata dal servizio civile asturiano. Nella parte occidentale delle Asturie si parla anche eonavio e la sua promozione rientra anche nella legge 1/1998. Se l'Eonavio è un continuum dialettale o una varietà di lingua galiziana, tuttavia, è oggetto di dibattito, e il suo uso nell'Amministrazione delle Asturie è minore rispetto all'uso della lingua asturiana. All'interno delle Asturie, è in corso un processo per stabilire i nomi dei luoghi nei dialetti asturiano ed eonaviano.