100% Made in Italy

Repubblica Dominicana

bandierina da scrivania Repubblica Domincana

Live Chat

Scrivici

Bandiera da tavolo Repubblica Dominicana

Acquista la bandiera da tavolo Repubblica Dominicana. Le bandierine da tavolo Repubblica Dominicana sono ideali da essere poste sulla scrivania, per ricordare un viaggio o per dare il benvenuto a qualcuno che ci visita proveniendo da Repubblica Dominicana.


La bandierina di Repubblica Dominicana è venduta singolarmente senza basetta. Le basette possono essere acquistate a parte.

Leggi di più
Repubblica Dominicana

L’immagine è soggetta a copyright e non è riutilizzabile.

Seleziona il materiale:

Poliestere Leggero Ideale per Interno




Dimensione:

Quantità:

Prezzo: (Iva Inclusa)

Vedi tabella dei formati disponibili

Tabella di comparazione formati e prezzi disponibili per Repubblica Dominicana:

Formato bandiera

Prezzo cda

14x21 cm

Poliestere Leggero

Prezzo cda:

4,00 €

(Iva Inclusa)

lo stemma della bandiera della Repubblica Dominicana

Acquista con la bandiera da tavolo della Repubblica Dominicana anche la base che più ti piace. Disponiamo di basette con base in marmo, basette in ferro cromato, basette in ottone cromato, basette in legno. A seconda dell'ambiente in cui sarà esposta la tua bandierina della Repubblica Dominicana sarà più opportuna una specifica tipologia di basetta.

 

La bandiera della Repubblica Dominicana è l'unica bandiera al mondo con una Bibbia aperta. Come descritto nell'articolo 31 e 32 della Costituzione, ha una croce nel centro che si estende verso le estremità e divide la bandiera in quattro rettangoli: quelli sopra sono blu (all'inferitura) e rosse. Quelli inferiori sono rossi (all'interitura) e blu. Al centro della croce c'è lo stemma della Repubblica Dominicana.

L'esistenza dello scudo è consacrata nella costituzione della repubblica, che lo descrive come segue (Articolo 32) "Lo stemma nazionale ha gli stessi colori della bandiera nazionale disposti allo stesso modo. Esso riporta al centro una Bibbia aperta col Vangelo di Giovanni, capitolo 8, versetto 32. Dalla bibbia parte una croce e 6 lance, disposte su entrambi i lati; Lo scudo è accompagnato da un bouquet di alloro sul lato sinistro e una palma sul lato destro. Lo stemma è coronato da un nastro azzurro ultramarino in cui è scritto il motto "Dio, Patria e Libertà". Alla base c'è un altro nastro di colore rosso vermiglio le cui estremità sono orientate verso l'alto con le parole "Repubblica Dominicana". La forma dell'emblema nazionale è rettangolare, le proiezioni degli angoli superiori e inferiori sono arrotondati al centro ed è disposto in modo che si formi un quadrato perfetto nel disegnare una linea orizzontale che collega i due angoli verticali da dove iniziano gli angoli inferiori.

Lo scudo è presente in tutti i documenti ufficiali emessi dallo Stato Dominicana, sul front-end di tutti gli uffici pubblici, agenzie decentrate, tribunali, tribunali, tribunali e altri uffici giudiziari, fortezze, distaccamenti e le altre unità delle Forze Armate e Polizia Nazionale. È presente anche in numerosi monumenti.

Lo stemma della Repubblica Dominicana è stato creato al momento della proclamazione dell'indipendenza nazionale. Ha subito un lungo processo di successive modifiche. La storia registra 21 escudini tra cui quella corrente. I primi hanno elementi comuni con lo scudo haitiano.

Il primo stemma aveva due rami esterni di alloro e sotto di loro, formando un arco, appariva un serpente che mordeva e deglutiva la coda (segno di evoluzione eterna). Su un terzo piano appariva, aperto e al centro, il libro del Vangelo; Dietro il libro c'era un trofeo di armi (una lancia e un fucile con una baionetta a destra, una spada e un cornetto a sinistra); Sopra il libro c'era una bandiera dominicana. Sullo sfondo c'erano due bandiere dominicane e, all'intersezione dei poli, c'era un berretto frigio (simbolo di libertà). In primo piano, in fondo, c'era un largo nastro con le parole "Repubblica dominicana" e, su entrambi i lati in basso, due canyon con i loro rispettivi pallottini sferici in forma piramidale. 

Solo dall'anno 1913 un'uniformità araldica fu resa ufficiale con un decreto del 6 febbraio 1913 emesso dal governo di Monsignor Nouel, che stabilì la presente forma. Nello stesso decreto apparve un disegno, realizzato da Casimiro Nemesio de Moya, che riproduce il "Grande Sigillo della Nazione".