100% Made in Italy

Bandiera Assisi

Vendita bandiera di Assisi

Live Chat

Scrivici
bandiera Assisi

Bandiera Assisi in vendita

La bandiera ufficiale della città di Assisi, comune d'Italia nella provincia di Perugia che sorge sul fianco occidentale del Monte Subasio.

 

La bandiera di Assisi è una bandiera bicolore orizzontale blu e rosso.


 

Leggi di più
Bandiera Assisi

Materiale:

Poliestere Nautico Ideale per Esterno

Poliestere Leggero Ideale per Interno

Stamina di poliestere per interno ed esterno

Dimensione:

Quantità:

Prezzo: (Iva Inclusa)

Vedi tabella dei formati disponibili

Dettaglio delle nostre finiture

Bandiere in Poliestere Nautico

Formato bandiera

Prezzo cda

20x30 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

7,00 €

(Iva Inclusa)

30x45 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

12,00 €

(Iva Inclusa)

70x100 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

13,00 €

(Iva Inclusa)

100x150 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

18,00 €

(Iva Inclusa)

150x225 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

43,00 €

(Iva Inclusa)

200x300 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

80,00 €

(Iva Inclusa)

300x450 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

160,00 €

(Iva Inclusa)

400x600 cm

Poliestere Nautico

Prezzo cda:

270,00 €

(Iva Inclusa)

Bandiere in Stamina di poliestere

Formato bandiera

Prezzo cda

20x30 cm

Stamina di poliestere

Prezzo cda:

34,00 €

(Iva Inclusa)

30x45 cm

Stamina di poliestere

Prezzo cda:

46,00 €

(Iva Inclusa)

70x100 cm

Stamina di poliestere

Prezzo cda:

63,00 €

(Iva Inclusa)

100x150 cm

Stamina di poliestere

Prezzo cda:

87,00 €

(Iva Inclusa)

150x225 cm

Stamina di poliestere

Prezzo cda:

184,00 €

(Iva Inclusa)

Bandiere in Poliestere Leggero

Formato bandiera

Prezzo cda

91x140 cm

Poliestere Leggero

Prezzo cda:

11,00 €

(Iva Inclusa)

Bandiere da tavolo

Formato bandiera

Prezzo cda

14x21

14x21 cm
Poliestere Leggero

Prezzo cda:

4,00 €

(Iva Inclusa)

Chi ha comprato la Bandiera Assisi ha mostrato interesse anche per:

Vendita bandiera Assisi

Fu il luogo di nascita di San Francesco, che fondò l'ordine religioso francescano nel 1208 e Santa Clara, fondatrice delle Sorelle povere, che divenne poi l'Ordine delle monache clarisse, dopo la sua morte . Anche il santo Gabriele di Nostra Signora dei dolori del XIX secolo è nato ad Assisi.

 

Attorno al 1000 A.C. un ondata di immigrati si stabilirono nell'Alta Valle del Tevere così come nella costa del Mare Adriatico, e anche nel quartiere di Assisi. 

Questi erano gli umbri, vivevano in piccoli insediamenti fortificati su terra alta. Dal 450 A.C. questi insediamenti furono gradualmente presi in consegna dagli Etruschi. 

I Romani presero il controllo dell'Italia centrale dopo la battaglia di Sentino nel 295 A.C. Questi costruirono il fiorente municipio di Asisium su una serie di terrazze sul Monte Subasio. 

I resti di epoca romana possono ancora essere trovati in Assisi: le mura della città, il forum (oggi Piazza del Comune), un teatro e un anfiteatro e il Tempio di Minerva (ora trasformato nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva). 

 

Nel 1997 in Assisi sono stati scoperti i resti di una villa romana con stanze con affreschi e mosaici in una condizione che raramente si trova al di fuori di luoghi come Pompei.

Nel 238 Assisi è stato convertito al cristianesimo dal vescovo Rufino, martirizzato a Costano. Secondo la tradizione, le sue spoglie riposano nella Chiesa Cattedrale di San Rufino in Assisi.

I Goti di Totila distrussero gran parte della città nel 545. Assisi passò sotto il dominio dei longobardi come parte del regno dei Longobardi e dei Franchi poi diventato ducato di Spoleto.

Assisi divenne indipendente comune ghibellino nel XI secolo. Perennemente in lotta con Perugia guelfa, memorabile fu la battaglia di Ponte San Giovanni, in cui Francesco di Bernardone, (San Francesco di Assisi), venne preso prigioniero.


All'inizio Assisi cadde sotto il dominio di Perugia e poi sotto diversi despoti, come ad esempio il Soldier of Fortune Biordo Michelotti, Gian Galeazzo Visconti e il suo successore Francesco I Sforza, duchi di Milano, Jacopo Piccinino e Federico II da Montefeltro, signore di Urbino. La città andò in un profondo declino attraverso la piaga della Morte Nera nel 1348.

La città tornò sotto la giurisdizione papale sotto la regola di Papa Pio II (1458-1464).

Nel 1569 ebbe inizio la costruzione della Basilica di Santa Maria degli Angeli. Durante il Rinascimento e nei secoli successivi la città continuò a svilupparsi serenamente, come attestano i palazzi della Bernabei e di Giacobetti del XVII secolo.